Andiamo a salvare Balena Blu

Balena Blu è una grande mangiona, che non ha paura di diventare cicciona. Ingoia pure una bottiglia a furia di mangiare. E presto dei dolori addominali inizia ad accusare.

Balena Blu soffre tanto e sta così male che Gabbiano Seagull la veglia al suo capezzale. Ma presto si preoccupa a sentirla singhiozzare, e Foca Seal in aiuto decide di chiamare.

Foca Seal si sveglia e gridando davanti allo specchio conclude la sua nottata: “Sono forte, sono gentile, e oggi sarà una buona giornata”. Gabbiano Seagull è molto preoccupato e a fare presto così la incoraggia: “Balena Blu ha in pancia della plastica, corriamo veloci, mannaggia!”

Allora Foca Seal arma veloce la sua barca e si mette al timone; fa rotta verso Balena Blu e, per farsi forza, intona una canzone: “Salviamo la balena blu
La plastica non le va né su né giù
Che sole, che mare
Quanto è bello navigare!”

Due virate e tre bordi dopo sono giunti sul posto e Foca Seal subito capisce che non è tutto a posto. Prende una canna e dà volta alla cima, e con grande eleganza il gesto del pescatore mima.

Balena Blu è lì agonizzante con la bocca spalancata, ma, in un battibaleno, capisce di essere stata liberata. E presto sta meglio più di un tantino, mentre Foca Seal la bottiglia getta nel cestino. Perché la plastica libera di vagare non bisogna mai lasciare.